Excite

Come lavorare per il National Geographic

Quale amante della natura e dell'avventura non si è chiesto almeno una volta come lavorare per il National Geographic? I servizi affascinanti e le bellissime immagini proposte dalla rivista - e ora anche dal sito, disponibile pure nella versione italiana - hanno fatto sognare generazioni di persone. Se siete anche voi tra loro, scoprite qui la strada per entrare a far parte di una realtà che ha cambiato la storia dell'editoria.

    nationalgeographic.com

National Geographic: la storia e le persone

La National Geographic Society nasce come associazione no profit nel 1888, in un club privato di Lafayette Square (Washington), per iniziativa di 33 tra esploratori e scienziati, con il dichiarato intento di dare vita a "una società per migliorare e diffondere le conoscenze geografiche". La passione e i molteplici interessi dei suoi fondatori, tuttavia, portano ben presto l'associazione ad abbracciare numerosi altri aspetti del sapere, fino a trasformare la National Geographic in un'istituzione che si occupa di scienza a 360°: dalla geografia, all'archeologia, alle scienze naturali, per arrivare fino alla conservazione e alla promozione del materiale ambientale e storico, all'educazione di bambini, giovani e adulti alla bellezza e al rispetto del pianeta e - ultima, ma non per importanza - alla divulgazione.

L'aspetto della comunicazione - tanto scritta che per immagini - diventa ben presto il tratto distintivo dell'associazione e porta alla nascita del famoso giornale, il National Geographic e, in tempi più recenti, del canale televisivo omonimo (National Geographic Channel). Una lungimiranza e un successo di cui i principali artefici sono le famiglie Bell e Grosvenor, uno dei cui esponenti, Gilbert Melville Grosvenor, è ancora oggi alla guida della società.

Insignita nel 2004 del prestigioso riconoscimento 'Green' della Global Green USA, la sede storica della National Geographic si trova a Washington DC e tra le sue mura vengono pianificati e prendono vita tutti i progetti e le esplorazioni la cui documentazione ha reso celebre nel mondo la famosa testata. Se volete fare parte anche voi di questa prestigiosa istituzione, ecco dunque alcuni suggerimenti su come lavorare per il National Geographic.

La selezione, i profili ricercati, la tipologia di lavoro

Può sembrare banale, ma anche per quanto riguarda il come lavorare per il National Geographic la selezione passa dal sito internet ufficiale della società (quindi quello americano). Per proporsi per una posizione è dunque necessario entrare nella sezione 'Jobs' - che si trova in fondo alla pagina principale - e cliccare sul bottone delle 'Career Opportunities'. Il menu relativo a questa sezione propone un elenco di ruoli organizzati per data, ma se si sa già che cosa si vuole fare, si può procedere per keywords. Inutile dire che la concorrenza è spietata e che per essere selezionati bisogna dimostrare di possedere capacità professionali e doti personali al di sopra della norma, come confema anche il super fotografo naturalista Joel Sartore, collaboratore di lunga data del giornale.

In un'intervista rilasciata al sito reflex.it, Sartore ha infatti dichiarato: "ci sono sempre decine di persone con volontà e capacità tali da poter occupare il tuo posto appena sbagli, perciò non ci si può assolutamente permettere di… battere la fiacca", riferendosi non solo alla fatica di ottenere il posto, ma anche di mantenerlo. Sempre nella stessa intervista, Sartore ha anche spiegato come ha fatto a diventare un fotografo del Natural Geographic: sottoponendo un book a uno dei chief photographer interni e quindi spedendo a intervalli regolari di pochi mesi nuovi portfoli dei suoi lavori. Dopo due anni ha ricevuto un primo incarico - di un giorno - un secondo di nove e così via fino all'attuale collaborazione.

Se dunque volete lavorare per Nat Geo, la prima cosa da fare è rimboccarvi le maniche e - a seconda che vogliate essere fotografi, cameramen, giornalisti o fotoreporter - iniziare fin da subito a coltivare la vostra passione, scegliendo percorsi di studi pertinenti, seguendo corsi di specializzazione e, ovviamente, facendo tanta tanta gavetta. Lo step successivo è quindi quello di iniziare a collaborare con agenzie fotografiche nazionali e internazionali specializzate in ambito archeologico, storico e naturalistico, in modo da far circolare il vostro nome nell'ambiente. A livello nazionale, come riportato su alcuni forum di professionisti, la Panda Photo è una delle più apprezzate e anche una delle (poche) fornitrici di immagini del National Geographic Italia. Una volta che siete riusciti a farvi conoscere e apprezzare per il vostro lavoro, non esiste una regola fissa e 'sicura' per entrare nello staff di collaboratori di Nat Geo, tuttavia la determinazione e la proposta al comitato di redazione - italiano o americano - di un servizio 'unico', 'importante' e "che rappresenti un buon motivo perché il National Geographic spenda dei fondi per seguire il progetto nel momento in cui viene presentato" - come spiega ancora Sartore - possono essere le chiavi per accedere al vostro sogno...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019