Excite

Referendum Fiat Mirafiori, l'esito in tarda serata

La partecipazione è alta allo stabilimento Mirafiori per il referendum organizzato dalla Fiat sull'approvazione o meno del nuovo accordo sindacale. Dei lavoratori del turno di notte avrebbero votato 97,7% degli aventi diritto, ma si tratta di poco meno di 200 persone.

Alle 7:30 di stamattina, invece, è stato il turno di circa la metà dei 5.431 lavoratori dello stabilimento. Anche qui, la partecipazione è stata consistente. Il turno del pomeriggio completerà il voto, e per tarda serata ne conosceremo l'esito (a Pomigliano arrivò verso le due di notte).

Nel frattempo i vertici Fiat si sono riuniti stamattina presto nella Sede del Lingotto. L'ad Sergio Marchionne e John Elkann, presidente del gruppo, sono rientrati solo ieri sera da Detroit, dove hanno partecipato al Salone dell'auto. Al di là degli impegni di lavoro, il rientro a Torino di Marchionne ed Elkann proprio nelle ore in cui i lavoratori si stanno pronunciando sull'accordo è anche un gesto simbolico. 'Solo crescendo all'estero - ha spiegato John Elkann - la Fiat può rafforzarsi e mantenere una realtà produttiva sana, consolidata in Italia. Paese nel quale restiamo ben presenti.'

Secondo la Fiom, invece, l'accordo proposto da Marchionne non è altro che un ricatto, e porterebbe indietro di 50 anni la natura delle relazioni industriali in Italia. Nei giorni scorsi sono anche comparsi all'interno dello stabilimento volantini con la stella a cinque punte firmati 'Movimento Comunista Rivoluzionario'.

(foto © liveinternet.it)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017