Excite

L' avicoltura: una passione e tante aziende

Tempo fa allevare degli animali era un'esigenza di carattere prettamente pratico; significava infatti garantirsi cibo e, in alcuni casi, pellame. Oggi evidentemente non è più così. Bisogna, per quanto riguarda l'avicoltura, suddividere le aziende  in varie macrocategorie: la società può occuparsi infatti di allevare animali a scopo alimentare, commerciale, per semplice passione o per salvare e proteggere determinate varietà faunistiche da reimmettere successivamente nell'habitat naturale di provenienza.

Le aziende alimentari e per l'allevamento

Uno dei criteri più produttivi per l'allavamento di pollame a scopo commerciale e alimentare è quello dell'integrazione verticale; in poche parole la stessa azienda disporrà di allevamenti di riproduttori ed incubatori, si occuperà della produzione dei mangimi, della macellazione, della lavorazione delle carni e del successivo confezionamento con etichettatura. Questo sistema, diffuso soprattutto in Italia, permette di rintracciare sempre e con estrema facilità il percorso di produzione. Tale tecnica inoltre ha permesso al nostro paese di non conoscere crisi in questo settore e di affermarsi come uno dei maggiori produttori di pollami per l'Europa.

L'allevamento a scopo ornamentale e ambientale

In questi casi l'interesse principale dell'allevatore deve essere il benessere dell'animale tanto fisicamente quanto psicologicamente. Non bisogna infatti sottovalutare la complessità cerebrale di alcune specie di volatili quali ad esempio i pappagalli. Questi ultimi infatti, al pari di cani e gatti sviluppano un rapporto particolare con il padrone. L'azienda perciò dovrà garantire all'animale il mantenimento di temperature ottimali e del corretto tasso di umidità (entrambi i parametri sono differenti di specie in specie), fondamentale è poi l'igiene e la pulizia dei luoghi in cui vive l'animale anche perchè è risaputo che i volatili si ammalano facilmente proprio a seguito di carenze igieniche, ovviamente non dovranno mai mancare acqua e disponibilità di cure mediche. Per quanto riguarda il cibo questo va differenziato in rapporto alla specie e all'età dell'animale. E' bene tenere presente che questi animali sono nati per stare liberi, volare o muoversi parecchio; non bisognerebbe perciò rinchiuderli in gabbie anguste e sovraffollate. L'ideale è tenere gli animali liberi in enormi voliere o al "pascolo".

Consigli

L'avicoltura: una passione e tante aziende;  il titolo si riferiva al gran numero di imprese sorte negli ultimi anni dal lavoro di piccoli e grandi appassionati. L'importante è non cadere mai nell'egoismo  praticare quest'attività con la massima serietà e con il corretto bagaglio di informazioni biologiche e legali oltre che con le giuste attrezzature.

 

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017