Excite

Buone notizie per i precari delle strutture sanitarie del Lazio

Grazie ad un accordo siglato tra tutte le sigle sindacali rappresentative del personale sanitario e il governatore Polverini, vengono prolungati i contratti del personale precario in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche della Regione, che erano in scadenza con la fine del 2010, e si aprirà un percorso che porterà a dare maggiori certezze occupazionali a questi lavoratori.

Sono, infatti, oltre 3.500 i lavoratori in tutto il Lazio tra tempo determinato e altre forme di lavoro flessibile. La legge di stabilità per il 2011 prevede, che le regioni con un dissesto di bilancio nella sanità, ma il cui piano di rientro è stato approvato – anche parzialmente- non siano sottoposte al blocco del turnover. I circa 2500 contratti a tempo determinato in essere potranno così essere prolungati fino al 31 maggio 2011. Proroga di un mese invece, fino al 31 gennaio 2011, per gli altri contratti flessibili, ma con un impegno ben preciso che la Cisl Fp ha fortemente voluto e ottenuto: verrà infatti attivato un tavolo tecnico con il governo regionale per verificare le possibili modalità e forme per trasformare anche questi contratti in tempo determinato, in relazione alla necessità di garantire i Lea su tutto il territorio regionale.

Discorso a parte, ma ugualmente importante, per i lavoratori di servizi esternalizzati. Nel loro caso infatti sindacati e Regione si impegneranno ad effettuare una ricognizione attenta per verificarne la compatibilità e la convenienza economica e, nei casi che hanno riguardato funzioni di fatto caratteristiche della mission istituzionale del servizio come l’assistenza alla persona, ricondurli alla gestione diretta e ordinaria.

(foto © freedigitalphotos.net)

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017