Excite

Come aprire un laboratorio di analisi

In un momento in cui tanti brillanti neo-laureati in medicina o in biologia stentano a trovare un posto di lavoro soddisfacente, l'apertura di un laboratorio di analisi può essere una soluzione remunerativa e vincente, anche se richiede un alto investimento iniziale e una serie indispensabile di competenze specialistiche. Vediamo quindi come aprire un laboratorio di analisi in proprio.

Che cos'è un laboratorio di analisi

Prima di tutto facciamo un po' d'ordine: non tutti i laboratori di analisi sono uguali. La tipologia più comune è quella dei laboratori di analisi biologiche o cliniche, che a loro volta possono ulteriormente specializzarsi in un settore specifico: l'ematologia se si tratta prevalentemente l'analisi del sangue, la microbiologia, la citologia, la sierologia eccetera. Le strutture private - non alle dipendenze cioè di un ospedale o di un istituto di ricerca più grande - di solito praticano tutti o quasi tutti questi servizi. Il laboratorio di analisi farmacologica si dedica invece allo screening dei farmaci o dei relativi composti chimici. La produttività di un laboratorio di analisi si misura in genere dal numero di campioni analizzati durante l'anno: un laboratorio medio-piccolo nella maggior parte dei casi va dal milione in su.

Il percorso di studi

Per aprire un laboratorio di analisi in qualità di direttore è necessario essere laureati in medicina o in biologia. In alcune regioni d'Italia, inoltre (ad esempio Puglia, Calabria e Lazio), in caso di accreditamento del laboratorio con il Sistema Sanitario Nazionale per la direzione scientifica - una convenzione a cui è quasi impossibile rinunciare per i vantaggi che questa porta - è necessaria anche la specializzazione post-laurea. In genere è sempre meglio informarsi presso le sezioni regionali dei vari ordini professionali, perché la materia è in continua evoluzione e la discrezione a livello locale è molto alta.

La convenzione con il S.S.N.

Com'è facile immaginare, la spesa per aprire un laboratorio di analisi non è modesta, e aumenta a seconda di quanti servizi si vogliono offrire ai clienti con i relativi macchinari e tecnici specializzati. La cosa migliore da fare è probabilmente associarsi, specie se si è neo-laureati e si intendono sfruttare i fondi dedicati agli Under 30 che lo Stato e l'Unione Europea mettono a disposizione per questo genere di imprese. Per saperne di più, le sezioni locali dei giovani imprenditori di Confindustria sono una fonte inesauribile di informazioni al riguardo.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017