Excite

Come diventare chiropratico

La parola ‘chiropratica’ deriva dal greco keir (mano) e praxis (agire). Trattamento con le mani, dunque. E’ una disciplina che si può inquadrare nell’ambito delle terapie non convenzionali e mira a restituire una posizione corretta riequilibrando le strutture corporee. Non prevede l’uso di farmaci e il ricorso alla chirurgia. Ecco come diventare chiropratico.

Un percorso di studi all'estero

La chiropratica è nata nel 1895 grazie a Daniel David Palmer. Nel corso degli anni si è diffusa in tutto il mondo, oggi è la terza professione sanitaria negli Stati Uniti per numero di praticanti e conta circa un milione e mezzo di pazienti all’anno, anche se – come accade nel caso di tutte le cure naturali – non mancano i detrattori e i diffidenti. Il principio su cui si basa la chiropratica è il seguente: occorre intervenire sulle cause dei problemi fisici anziché sui sintomi, concentrandosi sulla struttura della colonna spinale, perché è da lì che derivano le disfunzionalità riguardanti il sistema neuro-muscolo-scheletrico. I riflettori sono dunque puntati sui disordini statici. In altre parole, il disallineamento della colonna è la causa di molti fastidi fra cui mal di schiena, male al collo, cefalea, dolori allespalle, parestesia agli arti, sciatalgie; curando quello, si cura tutto il resto. Dal dicembre 2007 la chiropratica è stata riconosciuta legalmente anche in Italia. La legge finanziaria 2008 ha istituito ‘presso il Ministero della salute, senza oneri per la finanza pubblica, un registro dei dottori in chiropratica. L'iscrizione al suddetto registro è consentita a coloro che sono in possesso di diploma di laurea magistrale in chiropratica o titolo equivalente. Il laureato in chiropratica ha il titolo di dottore in chiropratica ed esercita le sue mansioni liberamente come professionista sanitario di grado primario nel campo del diritto alla salute, ai sensi dellanormativa vigente’. Ma come diventare chiropratico? Purtroppo, la laurea si può conseguire soltanto presso un’università straniera; il corso dura in media cinque anni e le ore di teoria e pratica sono circa cinquemila.

L'Associazione italiana Chiropratici

Le università riconosciute dal CCE, il Council on Chiropratic Education, attualmente sono 29: 17 americane, 2 canadesi, 2 australiane, 3 inglesi, 1 giapponese, 1 danese, 1francese, 1 svedese, 1 nuova zelandese. Terminato il percorso formativo all’estero, si ottiene il titolo di Dottore in Chiropratica. Ulteriori informazioni su come diventare chiropratico sono reperibili presso l’Associazione Italiana Chiropratici.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017