Excite

Come riconoscere gli annunci di lavoro falsi

La poca o, al contrario, la troppa esperienza del mondo degli annunci di lavoro possono giocare brutti scherzi a chi è in cerca di occupazione. Come se non bastasse la scarsezza di offerte con contratto e retribuzione dignitose, spesso infatti bisogna anche fare i conti con aziende poco serie (o peggio ancora finte) che pubblicano proposte da cui è meglio stare alla larga per non rischiare di perdere soldi o, addirittura, ritrovarsi con una denuncia. Ecco allora un breve guida su come riconoscere gli annunci di lavoro falsi e/o pericolosi.

Destreggiarsi nella jungla degli annunci di lavoro

Attenzione, buonsenso e una sana dose di diffidenza sono i tre 'ingredienti' fondamentali che chi cerca lavoro non dovrebbe mai dimenticare. Tuttavia, in tempo di crisi e quando il mercato sembra non offrire alcuna opportunità, anche la persona più navigata rischia di inciampare in offerte che non hanno nulla di serio. Se una volta, infatti, gli annunci falsi erano abbastanza evidenti, oggi invece sono realizzati in modo accurato e strutturati in modo da trarre in inganno anche i più esperti.

Per evitare brutte sorprese, la prima cosa è cestinare senza rimpianti le offerte di lavoro in cui non è indicato il nome dell'azienda e non è presente neppure una presentazione in forma anonima del settore in cui opera e dell'attività che svolge. Per maggiore credibilità, spesso in questi annunci è inserito un indirizzo mail nome.cognome o un numero di cellulare, ma la questione non cambia: i dati il più delle volte sono finti e la scheda telefonica attivata solo per il tempo della ricerca.

Allo stesso modo, meglio stare alla larga dalle offerte che cercano profili generici e che propongono attività vaghe, così come da quelle che promettono facili guadagni. Le aziende serie sono sempre molto attente ai requisiti professionali e personali delle persone da inserire e in tempi di crisi diventano ancora più esigenti: gli annunci che promettono lavori facili e alte remunerazioni nella quasi totalità dei casi nascondono una truffa.

E' bene anche diffidare dalle offerte di lavoro che richiedono l'invio di dati personali riservati, del codice fiscale, del numero della carta di credito o del conto corrente per le ragioni più svariate e spesso (purtroppo) apparentemente legittime e del tutto motivate: nessuno assume sulla base dell'anagrafica e/o del conto in banca. Anzi, gli annunci che non prevedono neppure un colloquio telefonico o via Skype sono da considerare finti e potenzialmente pericolosi.

E se questi indizi sono presenti solo in parte oppure dissimulati in modo tale da non essere individuabili, come riconoscere gli annunci di lavoro falsi? Trasformandosi in investigatori in erba. E' sempre buona norma cercare informazioni sulle aziende presso le quali ci si vuole candidare e, in certi casi, diventa un metodo infallibile per svelare subito la truffa. Online, infatti, si può intanto verificare se la società esiste o meno oppure, quando non è indicato nessun nome, cercare opinioni di altri internauti sull'annuncio: 9 volte su 10 si aprono pagine e pagine di discussioni che denunciano l'illegalità dell'offerta in questione.

Che cosa c'è dietro gli annunci di lavoro falsi?

Capito come riconoscere gli annunci di lavoro falsi, resta ancora da chiarire cosa si nasconde dietro queste inserzioni e perché vanno evitate con grande attenzione. Nella maggior parte dei casi, infatti, nascondono truffe per riciclaggio di denaro o un complesso sistema di rispedizioni fraudolente: in entrambe queste circostanze oltre a perdere dei soldi (talvolta molti) si rischia anche di subire una denuncia e di ritrovarsi invischiati in complicate azioni legali internazionali.

Per le donne, infine, i pericoli sono anche peggiori: dietro a richieste di segretarie personali, magari disposte a frequenti trasferte e straordinari, purtroppo spesso si celano malintenzionati che si approfittano della buona fede e della necessità delle candidate per commettere abusi sessuali. E a tale proposito, è bene stare alla larga da sedicenti manager che propongono appuntamenti serali e/o presso la propria abitazione.

Per difendersi dalle truffe e segnalare quella in cui si è eventualmente finiti, evitando ad altri la stessa spiacevole esperienza, il consiglio è allora di visitare il sito Bob Spammit (spammit.blogspot.com), sempre aggiornatissimo e agguerrito contro chi vuole fare della sforuna degli altri la propria fortuna.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017