Excite

Consigli lavoro, come aprire una piccola casa editrice

Per chi sogna di poter dirigere una piccola casa editrice tutta sua, scegliere contenuti, decidere cosa pubblicare, vivere tra libri e riviste, e fare della propria passione un lavoro, allora qualche piccolo consiglio potrebbe essere utile per iniziare a pianificare questo vostro progetto. Come prima cosa il fattore determinazione e bune capacità imprenditoriali sono alla base di qualsiasi iniziativa, un pò di fiuto per gli affari e l' amore per il lavoro che fate vi daranno la possibilità di iniziare con il piede giusto.

Come prima cosa è fondamentale pianificare nei dettagli il progetto, il business plan, l’investimento iniziale per mezzi, risorse e personale, e cercare di trovare la distribuzione più idonea alle vostre necessità. Grazie ai diversi fondi disponibili per il sostegno e lo sviluppo dell' imprenditoria giovanile è possibile godere, inoltre, di speciali finanziamenti statali a fondo perduto o a condizioni agevolate, che contribuiscono all' avvio di una nuova attività. Aprire una piccola casa editrice non necessita di enormi investimenti ed è possibile decidere di avviare un' impresa individuale, oppure optare per una 'associazione culturale' che preveda nello statuto la pubblicazione di libri.

La burocrazia prevede l' apertura della partita iva, l' iscrizione nel Registro degli Editori e Stampatori e la comunicazione alla Camera di Commercio dell' avviamento della nuova attività. Grazie al sito dell' associazione italiana editori, aie.it, inoltre potrete trovare pratici e utili consigli sullo start up, news e informazioni utili su corsi di aggiornamento e novità del settore.

(foto © hovistoninavolare,flickr.com)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017