Excite

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Contratti, aumentano le collaborazioni

In forte calo le offerte di lavoro in tutta Italia, mercato in contrazione, contratti di collaborazione in forte aumento e sempre meno certezze per chi entra nel mondo del lavoro. Nonostante un 2009 negativo, sembra proprio che nulla si voglia fare per dare segnali positivi e concreti nemmeno il questo nuovo 2010: come conferma anche Claudio Treves della Cgil nazionale, la contrazione della percentuale degli occupati è preoccupante e omogenea su tutto il territorio. Occupazione in discesa in Piemonte, Veneto, Toscana, Emilia Romagna, ma anche in Lombardia.

La mancanza di valide offerte di lavoro continuativo è seguita parallelamente da una secca riduzione di contratti a tempo indeterminato. Maggiore flessibilità, cambiamento e praticità, spesso a vantaggio delle sole aziende, sono il nuovo che avanza, contratti continuativi e posti fissi rappresentano un vecchio sogno del passato. Contratti a tempo determinato e i contratti di apprendistato seguono lo stesso percorso, destinati ormai a sparire quasi definitivamente per fare spazio a nuove forme di contrattuali all' insegna della totale flessibilità e precarietà.

Tra i contratti maggiormente utilizzati dalle aziende, infatti, spiccano i contratti intermittenti, le collaborazioni occasionali o i contratti legati a partita iva, ovvero prestazioni apparentemente di tipo autonomo, ma che a tutti gli effetti vengono svolte secondo le condizioni tradizionali di lavoro dipendente, a discapito dei lavoratori. Dati che dovrebbero far riflettere sulla reale condizione del mercato occupazionale del nostro Paese.

(foto © Peter Kirchhoff, pixelio.de)

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2015