Excite

Disoccupazione agricola: requisiti, modalità di richiesta e importo erogato

L’indennità di disoccupazione è un supporto che l’Inps fornisce ai lavoratori ed alle loro famiglie nei periodi immediatamente successiva alla perdita di un contratto di lavoro. Per avere accesso a questa tipologia di supporto bisogna essere iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli. Ovviamente non è sufficiente la sola iscrizione per essere ammessi al beneficio della disoccupazione.

    Getty Images

Chi ha diritto all'indennità di disoccupazione

Le categorie che hanno accesso alla disoccupazione agricola sono quelle dei piccoli coloni, dei compartecipanti familiari, degli operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano per parte dell’anno, agli operai agricoli assunti a tempo determinato e per concludere i piccoli coltivatori diretti che integrano fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi mediante versamenti volontari.

Scopri i dieci lavori artigiani più richiesti al mondo

La disoccupazione non spetta ai lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, ai lavoratori iscritti nella gestione separata o autonoma per un numero di giornate lavorative superiore a quelle da dipendente ed ai lavoratori che si dimettono volontariamente. Fanno eccezione le lavoratrici madri che si dimettono nel periodo di puerperio. E’ fondamentale, in ogni caso, avere due anni di anzianità con l’assicurazione per la disoccupazione volontaria. Altro fattore determinante per ottenere l’indennità di disoccupazione è avere almeno 102 contributi giornalieri nei due anni precedenti a quello in cui si è in disoccupazione.

L'importo dell'indennità di disoccupazione

A quanto ammonta l’indennità di disoccupazione? Mediamente è il quaranta per cento della retribuzione abituale della giornata di lavoro. Ovviamente rientrano nel computo delle giornate lavorate solo quelle da dipendente agricolo.

Leggi la riforma del lavoro del governo Renzi

Una volta stabilito di avere tutti i requisiti necessari il lavoratore dovrà presentare la domanda attraverso i servizi telematici dell’Inps, oppure ai vari patronati o con il Contact Center Multicanale. La domanda, in genere, va presentata entro il 31 marzo dell’anno successivo all’ultimo in cui il lavoratore ha lavorato presso un’azienda agricola. Il pagamento della disoccupazione comprende anche l’accredito di contribuzione figurativa.

Guarda un video sulle particolarità della disoccupazione agricola

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017