Excite

Disoccupazione record in Italia, dati Istat: 13,4% a novembre, senza lavoro il 43,9% di giovani tra 15 e 24 anni

  • Twitter @umbriajournal

Per l’Italia nella morsa della crisi economica è sempre tempo di record, naturalmente in chiave negativa.

Renzi punta sul Jobs Act per creare occupazione: meno diritti o più opportunità?

I dati Istat sul tasso di disoccupazione relativo al mese di novembre 2014 lasciano poco spazio a congetture o interpretazioni, mettendo ancora una volta in imbarazzo il mondo politico ed attirando sul governo in carica una prevedibile ed inevitabile pioggia di critiche.

Ammonta al 13,4% nell’ultimo trimestre analizzato dalle tabelle di ricerca la percentuale di italiani privi di un lavoro, con un significativo -0,2 rispetto ai 30 giorni precedenti, numeri che confermano in maniera inequivocabile il trend da incubo dell’occupazione a livello nazionale.

Mentre un anno fa il tasso tra i giovani dai 15 ai 24 anni si era fermato al 43,3% adesso si registra in tale fascia di età dalla fondamentale importanza statistica un ulteriore calo, di più di mezzo punto sul mese di ottobre e di una percentuale pari al 2,4 sul 2014.

(Disoccupazione, le novità in cantiere con la riforma del Jobs Act di Renzi: video)

Unica e assai magra consolazione, non proprio sufficiente a far dormire sonni tranquilli né all’esecutivo né tantomeno agli italiani, la crescita del numero di persone in cerca di impiego, aumentato di 312mila unità in un solo anno, dato che suona incoraggiante fino a un certo punto se letto insieme al -48000 occupati in un mese, con 729mila giovani senza lavoro rispetto ai 710mila dell’estate scorsa.

Il record storico, l’ennesimo di segno negativo secondo gli esperti dell’Istat, si riferisce alle serie mensili ed alle tabelle di ricerca su base trimestrale pubblicate in Italia dal 1977 in poi.

Ancora più preoccupante, allargando il raggio dell’analisi, il raffronto con Paesi chiave dell’Unione, Germania in primis, dove il trend è di segno opposto, ma anche in generale nell’Eurozona risulta difficile trovare performances così negative sul breve e medio periodo, nonostante la perdurante altalena tra crisi e ripresa nel Vecchio Continente.

La disoccupazione nel Belpaese coinvolge ormai qualcosa come tre milioni e 457 mila individui in età lavorativa, percentuale purtroppo in rialzo dell’8% su base annua.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017