Excite

Dove andare in Australia nel 2015: per lavorare il meglio è Melbourne o Sidney

L'Australia è uno dei paesi più lontani dall’Italia che ci attrae lavorativamente. Essa è riuscita a guadanarsi l'immagine e la reputazione di paradiso in terra sia dal punto di vista della qualità della vita che è in grado di garantire alla sua popolazione, sia da quello delle opportunità che può offrire agli stranieri che la scelgono come luogo dove costruirsi una nuova vita e ricominciare daccapo.

    Getty Images

L’Australia: luci e ombre di una meta molto ambita

In Australia non è sempre tutto semplice e le delusioni fanno parte della quotidianità di tanti, come in tante altre parti del mondo, d’altronde. È tuttavia impossibile negare che, per chi riesce ad entrare nel paese nel modo giusto, le opportunità possono essere tantissime, nella maggior parte dei casi molte di più di quelle che al momento offre l'Italia.

Scopri come trovare lavoro in Nuova Caledonia

L'eventuale trasferimento in Australia, indipendentemente dal fatto che esso sia a tempo determinato o no, va pianificato con cura e precisione. Innanzitutto, oltre a scegliere il visto giusto, è opportuno riflettere con attenzione sulla destinazione. Le opzioni più realistiche e popolari sono sei: Melbourne, Sydney, Perth, Brisbane, Adelaide e Darwin. In ogni caso, le prime due menzionate sono le mete più ambite e degne di approfondimento.

Dove trasferirsi: Melbourne o Sidney?

Melbourne è certamente la città più dinamica d'Australia. Sanità, istruzione, stabilità, cultura, ambiente e infrastrutture sono ai massimi livelli, prospettive di lavoro e carriera ottime, servizi e qualità della vita nettamente sopra la media. Per quanto la capitale di turismo, cinema e finanza sia ancora Sydney, città straordinaria e apparentemente più viva, oltre che architettonicamente più bella, della ex capitale del Sud, in base ai parametri economici è Melbourne la metropoli meglio proiettata verso il futuro.

Scopri come trovare lavoro ad Amsterdam

Melbourne ha il merito di aver saputo controbilanciare il rallentamento nei suoi settori di punta storici, edilizia e manifattura –unica eccezione il comparto farmaceutico, cresciuto del 19 per cento, investendo in istruzione, assicurazioni e terzo settore. Sidney, invece, punta su finanza, turismo e tecnologie rinnovabili per trainare il mercato.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017