Excite

Fare il pubblico pagato in tv: i consigli

Poter dire la propria a 'Uomini & Donne' piuttosto che partecipare a uno scambio di battute con Gerry Scotti durante 'Chi vuol essere Milionario': alzi la mano chi, sotto sotto, non ha mai desiderato partecipare in qualità di pubblico a una delle tante trasmissioni televisive che affollano i palinsesti di Rai e Mediaset. In effetti fare gli spettatori è un'esperienza divertente e - soprattutto per i giovani e gli studenti che vivono a Roma e Milano - un modo alternativo per guadagnare qualche soldino.


Identikit del pubblico perfetto
Se sbirciando tra il pubblico delle trasmissioni televisive vi sembra che ci siano facce di ogni genere ed età, avete perfettamente ragione: la platea è composta in modo da sembrare il più realistica possibile. Ma si tratta appunto solo di apparenza. Dietro a quell'assortimento di gente comune c'è in realtà un estenuante lavoro di casting fatto dalle agenzie che operano nel settore dello spettacolo e dai selezionatori dei programmi stessi. Il figurante ideale infatti deve essere maggiorenne, educato, paziente e disponibile a sottoporsi a eventuali cambi d'abito o di pettinatura nel caso in cui indossasse vestiti con loghi riconoscibili o il suo aspetto fosse ritenuto 'da modificare'. Durante le trasmissioni - in diretta e in differita - è assolutamente vietato alzarsi (anche quando non si è inquadrati), usare il cellulare, masticare il chewing gum e chiacchierare con il vicino, mentre è obbligatorio seguire con attenzione le istruzioni dei suggeritori, che scandiscono i ritmi del programma ordinando quando e come ridere, quando e come battere le mani e via dicendo. Infine, le riprese possono essere effettuate in orari molto diversi da quelli della messa in onda, per cui bisogna mettere in conto di lavorare in momenti della giornata 'atipici' e magari anche per parecchio tempo.


A chi rivolgersi per fare il pubblico: le agenzie di casting
Per partecipare alle trasmissioni televisive in qualità di pubblico la trafila non è diversa da quella che deve seguire chi vuole fare la comparsa in un film o in una fiction: a occuparsi delle selezioni sono infatti per la maggior parte le cosiddette agenzie di spettacolo. Per essere valutati ed eventualmente contattati, di solito è necessario inviare una mail di richiesta o compilare un apposito form specificando dati anagrafici, recapiti, tipo di ruolo che si vuole ricoprire (pubblico), caratteristiche fisiche ed eventuali interessi e allegare una (o più) foto e un breve curriculum. Il servizio è per lo più gratuito, ma talvolta per essere inseriti nelle mailing list che informano su tutti i casting in corso è necessario effettuare un'iscrizione a pagamento. Per evitare spiacevoli truffe, allora, il consiglio è quello di appoggiarsi solo a realtà con una comprovata attività nel settore come per esempio SDL2005, PerLa Promotion, Unica, The Union, FBI Casting, Vivi la Vita, Aba.Video, Studio T e Agenzia Fabiola Banzi.


Gli uffici casting Rai e Mediaset e lo Sportello dei Lavoratori dello Spettacolo
Se anche le agenzie più serie e rinomate non vi ispirano fiducia e preferite trovare il vostro posto nel pubblico di questa o quella trasmissione senza fare ricorso a loro, un'alternativa è quella di presentarvi direttamente o di inviare una richiesta agli uffici casting di Rai e Mediaset. Per maggiori informazioni potete consultare tv.mediaset.it/mondotv/casting_ok e casting.rai.it. Un'altra strada ancora è rappresentata dallo Sportello dei Lavoratori dello Spettacolo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: questo ufficio si occupa di tutti coloro che lavorano o vogliono lavorare nello spettacolo offrendo consulenza e opportunità di impiego aggiornate.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017