Excite

Google, l'ufficio dei sogni. Ecco come farsi assumere

  • Foto:
  • google.com

Il pisolino dopo pranzo è un lusso che pochi si possono permettere e - di solito - mai sul posto di lavoro. A meno di non essere un dipendente di Google. Il colosso del web infatti propone una concezione diversa e completamente innovativa di ufficio, dove dalla lavanderia, alla palestra, alla piscina, allo spazio per fare una pennichella c'è davvero tutto. Il motore di ricerca crede infatti alla teoria che vuole un buon posto di lavoro fondamentale per la produttività e la creatività. Se dunque siete stanchi del vostro ufficio-loculo dove la massima concessione alla modernità è un distributore di bibite rotto quattro giorni su cinque, ecco a voi qualche dritta per entrare a fare parte della fortunata squadra degli impiegati di Google.


Gli uffici di Google? In tutto il mondo...
Da multinazionale qual è, Google ha sedi sparse un po' per tutto il pianeta. Per cui se siete intenzionati a fare un'esperienza all'estero, lavorare per la società di Larry Page e Sergey Brin potrebbe davvero essere una buona opportunità. Dall'headquarter nel cuore della Silicon Valley - in California - agli uffici in USA, Australia, India, Cina, Giappone, Corea, Medio Oriente, Brasile, Argentina, Messico ed Europa (con la sede italiana a Milano), c'è solo l'imbarazzo della scelta.


...e unici nel loro genere!

Lavorare negli uffici di Google è un'esperienza unica nel suo genere, tutto è concepito in modo tale da creare un ambiente confortevole e agiato che dia libero sfogo alle personalità dei dipendenti e ne aumenti conseguentemente il profitto; riducendone per contro la vita sociale, in maniera drastica. Le sedi sono dotate infatti di sale giochi con tavolo da biliardo per i momenti di svago, di scivolo per i dipendenti dei piani superiori, di una sala massaggi, asili per i propri bambini, sale giochi e lettura, mense e bar gratuiti, e l'insegna di Google cambia ogni giorno proprio nell'atrio di ingresso.


Posizioni aperte e competenze: i profili più ricercati
L'azienda Google è un vero e proprio colosso, una specie di città in cui sono necessarie le più disparate figure professionali per svolgere le tantissime mansioni che servono a mantenere il gruppo leader del proprio settore di riferimento. Gli ambiti di ricerca sono:

  • Administrative
  • Advertising & Enterprise Sales
  • Business Operations & Development
  • Customer Support & User Operations
  • Engineering Operations & Management
  • Finance
  • Human Resources
  • Legal & Public Policy
  • Marketing & Communications
  • Product Management
  • Sales Operations, Strategy & Analytics
  • Software Engineering
  • Technical Sales & Support Engineering
  • User Experience
Per tutti, oltre alle competenze specifiche del ruolo, è richiesta una conoscenza fluente dell'inglese e della lingua del paese dove si trova la sede per la quale s'intende candidarsi.


Il cv: come candidarsi
Per candidarsi a una posizione in Google si può fare una ricerca a livello mondiale dei diversi profili ricercati nelle varie sedi e quindi inviare il proprio cv - rigorosamente in inglese - compilando l'apposito form di richiesta. Il recruiting online dal sito ufficiale è l'unica forma di selezione adottata da Google. La società non si avvale di intermediari o agenzie per il lavoro: pertanto se uno di questi soggetti dovesse proporvi un impiego in Google vi sta truffando o proponendo qualcosa di poco chiaro e non veritiero.


La selezione: un iter da cui esce 'la crème de la crème'
Se avete avuto il privilegio di essere convocati da Google per un colloquio, sappiate che si tratta solo del primo passo di un percorso a ostacoli massacrante. Una volta assunti, la società coccola i propri dipendenti, ma per garantire l'elevato standard dei suoi uffici e del suo servizio, vuole essere certa senza ombra di dubbio di 'mettersi in casa' solo i migliori. E per farlo non lesina mezzi, anche discutibili. Intanto è effettuata una valutazione serrata non solo delle competenze tecniche - con verifiche incrociate per essere certi che non abbiate modificato o 'abbellito' in nessun modo il vostro cv - ma anche dei cosiddetti 'soft skills', cioè delle qualità personali del singolo. Google infatti ha una sua checklist di 'talenti' che ogni candidato deve possedere:

  • capacità di risolvere problemi 'insoliti'
  • capacità di ragionamento analitico
  • competenze comunicative
  • predisposizione a sperimentare
  • attitudine a lavorare in gruppo
  • passione
  • leadership
E non solo. Come raccontato da più candidati, conta anche l'aspetto fisico. Per la società è infatti prioritario sapere di avere a che fare con persone attive, piene di interessi, che hanno una propria vita privata oltre al lavoro: essere sovrappeso, dunque, dal punto di vista dei recruiters di Google è indice di pigrizia e scarsa attenzione al proprio benessere. Due 'difetti' che l'azienda proprio non può tollerare, ma anche due aspetti che non dovrebbero essere tenuti in considerazione, pena il rischio di essere denunciati per discriminazione. Eppure, Google fa spallucce e a tutti i candidati 'scartati' che nel corso degli anni hanno attaccato le sue selezioni si è sempre limitato a rispondere "non discriminiamo nel nostro percorso di assunzione". E andate a provare il contrario.

Guarda il video di presentazione degli uffici di Google (in inglese)

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017