Excite

I Buoni lavoro regolarizzano i lavoratori stagionali

Segnaliamo l'operatività, già da qualche giorno, dei buoni lavoro. Introdotti grazie ad alcune modifiche apportate alla legge Biagi, i buoni lavoro danno la possibilità di assumere in modo regolare i cosiddetti lavoratori stagionali. Se un datore di lavoro ha bisogno, per un periodo di tempo determinato, delle prestazioni di un lavoratore (dalla raccolta dei pomodori alla lezione privata d'inglese), potrà d'ora in avanti ricorrere ai buoni lavoro.

Innanzitutto, i buoni lavoro consentono di retribuire un lavoratore nel pieno rispetto della legge. Dal costo di 10 euro, un buono include sia i contributi previdenziali che assicurativi (rispettivamente il 13% all'INPS e il 7% all'INAIL). Il datore di lavoro può acquistare anche voucher multipli, comprendenti 5 buoni lavoro non divisibili.

Se, al termine della prestazione richiesta, alcuni buoni rimanessero inutilizzati, il datore potrà richiederne il rimborso rivolgendosi direttamente all'INPS, che provvederà tramite bonifico bancario. I vantaggi sono notevoli anche per il lavoratore. Questi, infatti, potrà a sua volta lavorare in assoluta legalità, beneficiando inoltre di copertura assicurativa e di una paga che fa cumulo a fini pensionistici.

Presso qualsiasi ufficio postale, il lavoratore riscuoterà per ogni buono percepito la somma di 7,50 euro. Dovrà compilare il voucher in ogni sua parte, inserendo ossia il codice fiscale proprio e del datore di lavoro, oltre alle date di inizio e fine della collaborazione.

(foto © corriereuniv.it)

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017