Excite

Italia, c'eravamo tanto amati: storie di italiani all'estero

  • Italianiinfuga.com

"Italia, c'eravamo tanto amati". E' quanto si sono detti migliaia di italiani trasferiti all'estero per ragioni di lavoro. Secondo l'ultimo rapporto diffuso dalla Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale il numero di italiani che emigrano è superiore a quello degli stranieri che arrivano nel nostro paese.

Il trend è in continuo aumento e proprio per questo Excite ha voluto raggiungere i concittadini sparsi per il mondo per dare voce alla loro esperienza e spiegare come realmente vivono. Nasce così la nostra nuova rubrica "Italiani per il mondo" che vi dà appuntamento ogni mercoledì della settimana con un'avventura estera.

Protagonista della prima intervista è Aldo Mencaraglia da Melbourne, fondatore del sito italiansinfuga.com.

Di dove sei e com'era la tua vita prima di lasciare l'Italia?
Sono nato a Genova ma cresciuto in provincia di Cuneo. Ho lasciato l'Italia per andare a studiare in Inghilterra ai tempi dell'università. La mia vita antecedente la partenza era quindi quella tipica di un giovane italiano cresciuto durante gli anni settanta e ottanta.

Di cosa ti occupi e dove vivi attualmente?
Vivo a Melbourne. Adesso mi occupo a tempo pieno di italiansinfuga.com risorsa on-line dedicata a chi sta pensando di andare a vivere e lavorare all'estero. Si basa sulla mia esperienza pluridecennale di vita e lavoro all'estero, prima in Inghilterra poi in Australia con una parentesi tra Cina e Taiwan.

Perché te ne sei andato dall'Italia?
Più che altro per curiosità. Volevo vedere cosa ci fosse al di là delle Alpi e ho avuto la fortuna di trovare un corso universitario supportato da Erasmus che prevedeva lo studio in Inghilterra. Una volta trasferitomi mi sono reso conto che l'Inghilterra mi piaceva moltissimo e sono quindi rimasto dopo la conclusione degli studi universitari.

Come mai hai scelto l'Australia per vivere?
Mia madre è australiana e ho quindi sempre avuto forti legami con questa nazione. Ho anche avuto la grandissima fortuna di essere sempre stato anche cittadino australiano per cui non ho avuto alcun problema nel trasferirmi per tutto quello che riguarda la questione visti. Quest'ultima purtroppo è uno degli ostacoli principali per gli italiani che desiderano vivere in Australia.

Tornerai in Italia?
Mai dire mai ma dubito fortemente. Ormai ho passato più di metà della mia vita all'estero e adesso io e mia moglie abbiamo messo su famiglia in Australia. Abbiamo messo radici e i nostri figli sono nati qua. Per quanto ci faccia sempre piacere visitare l'Italia vediamo il nostro futuro qui in Australia.

Qual è la cosa che ti manca di più dell'Italia?
A parte la famiglia e gli amici, il cibo. Per quanto ovvio e scontato, questo è l'aspetto che apprezzo di più quando torno (raramente) in vacanza. È vero che anche in Australia è possibile trovare il cibo italiano ma...

Qual è la cosa che ti manca di meno dell'Italia?
La burocrazia. La snellezza dei servizi in Australia (per quanto non perfetti) non mi fa assolutamente rimpiangere le cose da fare per espletare semplici questioni burocratiche in Italia. Sono vent'anni che non compro una marca da bollo... :-)

Grazie Aldo!

Leggi anche: Come trovare offerte di lavoro in Australia e trasferirsi

Se sei un italiano per il mondo e vuoi raccontarci la tua esperienza scrivici a redazione.excite@populis.com. Saremo lieti di pubblicare la tua storia!

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017