Excite

Guida alle lauree migliori per il lavoro

Quali sono le lauree migliori per il lavoro? Ma non solo: che università sono maggiormente apprezzate dalle aziende italiane per la formazione che promuovono? Le specializzazioni in ambito tecnico e scientifico continuano a essere favorite nella corsa alla ricerca di un impiego, tuttavia emergono alcuni distinguo fondamentali legati alla durata dei corsi di studio (triennale o quinquennale) e all'ateneo di conseguimento.

Laurea e lavoro: la strada del successo

Secondo un’indagine Unioncamere-Excelsior relativa al 2011, le lauree migliori per il lavoro sono quelle afferenti alle classi di studio di Economia, Informatica, Ingegneria e dell'area sanitaria. Le aziende infatti sono sempre in cerca di giovani con una formazione specifica in questi settori e, in base a quanto riporta AlmaLaurea, chi possiede un titolo in uno di detti ambiti solitamente riesce a trovare lavoro entro un anno dal conseguimento dello stesso. Al top della classifica ci sono i laureati in Medicina (con il 95% di inserimenti entro 12 mesi), seguiti dai dottori in Educazione Fisica (77%), dagli architetti (67%) e dagli ingegneri (65%).

Ma il settore di studi non basta. A fare la differenza, infatti, ci si mettono pure le università: le aziende infatti sono molto attente all'ateneo di provenienza dei loro aspiranti dipendenti. A questo proposito, allora, l'università di Bologna e di Padova, La Sapienza di Roma e il Politecnico di Torino, Milano e Pisa, che stazionano ai primi posti del QS Top University World Ranking, rappresentano una chance in più per l'assunzione.

Last but not least, i selezionatori e gli head hunter tengono molto in considerazione il tempo impiegato per terminare gli studi. A parità di corso di laurea 'top per il lavoro', allora, la differenza la fa l'età, come risulta anche da un'indagine condotta dalla Repubblica degli Stagisti nel 2009: "in facoltà non ci si deve invecchiare. Che si tratti di laurea o master, gli studi vanno finiti nei tempi previsti, meglio se con un buon voto, ma soprattutto integrati con esperienze lavorative o di stage". I "periodi di studio all'estero", così come la "conoscenza delle lingue", infatti, "sono altri elementi che possono far crescere in valore la laurea", anche quelle in "in filosofia, lettere o psicologia", tradizionalmente meno competitive a livello di mercato del lavoro.

Il caso delle lauree brevi ambientali

Tra le lauree migliori per il lavoro, una sorpresa arriva da un'indagine dell'Isfol: secondo una ricerca presentata a dicembre 2012 per i 25 anni del Progetto Ambiente, infatti, i titoli triennali del settore ambientale consentirebbero al 43.5% dei mini-dottori di trovare un impiego entro un anno e al 53.4% di riuscire nell'impresa in tre anni. Numeri confortanti ai quali si aggiunge pure una buona 'qualità' dei ruoli ricoperti, perché a 36 mesi dalla laurea il 37.3 lavora come impiegato, il 32.1% è un libero professionista e il 9% è un imprenditore nel settore del commercio e dei servizi di livello qualificato, con stipendio e mansioni commisurate alle effettive competenze.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017