Excite

Lavori in Giappone nel 2015: le professionalità più richieste

Di certo non è una scelta che porta a un percorso semplice ma lavorare in Giappone può essere un'esperienza professionale decisamente interessante. Bisogna essere pronti a confrontarsi con un ambiente lavorativo molto diverso da quello che si trova nel nostro Paese e anche con un contesto umano e culturale differente.

    Getty Images

Insegnanti di italiano e cuochi

Lavorare in Giappone per gli italiani offre alcune opportunità che si concentrano, principalmente ma non esclusivamente, su alcune professioni. Tra quelle che più offrono possibilità d'impiego, visto l'amore dei giapponesi per la nostra cultura, c'è quella di insegnanti di italiano. Non necessariamente il possesso di una laurea è un criterio selettivo, soprattutto se si cerca un lavoro in qualche centro privato; spesso si viene selezionati tenendo presente le effettive e pregresse esperienze o in base all'impressione generale che si fa al datore di lavoro.

Leggi le news sul lavoro all'estero

Per lavorare in Giappone è bene tenere presente che il modo con cui ci si presenta è fondamentale. La cosa veramente importante che può fare veramente la differenza è un'ottima padronanza della lingua inglese. Un altro lavoro molto richiesto per gli italiani è quello di cuoco. Esperti di informatica e tecnologie avanzate è un altro settore in cui possono esserci possibilità lavorative.

Gli adempimenti burocratici

In Giappone se non si è in possesso di una professionalità altamente qualificata e specifica difficilmente la si spunta su un giapponese. In questo senso il mercato nipponico è un po’ chiuso. Quale che sia la professione è bene ricordare che in Giappone è molto sentita la gerarchia aziendale e il concetto di anzianità ha una notevole importanza. Dal punto di vista burocratico per lavorare in Giappone serve il visto. I visti più comuni sono lo student visa che da la possibilità di frequentare una scuola nipponica o un corso universitario. Le pratiche per l'ottenimento di questo visto sono seguite dall'istituto o dall'università in cui si vuole andare a studiare e rappresenta un visto che da il permesso di lavorare part time previo permesso dello stesso istituto.

Leggi le news sulle offerte di lavoro

Altri tipi di visti sono rilasciati in base alla qualifica professionale con cui si pensa di lavorare in Giappone e comprendono, tra gli altri, il professor visa, il legal/accounting visa, l'artist visa e lo specialist in humanities and international service che è molto richiesto in quanto è il visto che da la possibilità di svolgere diversi tipi di lavori. Una volta ottenuto il visto è necessario fare richiesta per l'ottenimento della Alien card, una sorta di carta di identità che si ottiene da un ufficio chiamato kuyakusho.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017