Excite

Lavoro Sicilia, la Flai Cgil lotta per il lavoro forestale

Quando si parla di lavoro in Sicilia, spesso so pensa immediatamente al patrimonio boschivo dell’ isola, e al lavoro forestale che da sempre caratterizza questa regione. Il settore boschivo non sempre ha ricevuto, però, le attenzioni necessarie.

La funzione del bosco siciliano è fondamentale, secondo la Flai, per la conservazione della biodiversità ed è fondamentale sviluppare attività economiche ecocompatibili ed ecosostenibili per valorizzare i prodotti del bosco.

Nuovi posti di lavoro, ma soprattutto maggiore attenzione al patrimonio boschivo della Sicilia, grazie a “risorse umane preparate e professionalizzate oltre che di innovazione tecniche per la prevenzione e lo spegnimento dei roghi”.

Per questo la Flai Cgil intende proporre all’assessore regionale di settore di raddoppiare la superficie boscata, con una politica di acquisizione di terreni, approvare la carta regionale del dissesto idrogeologico, prevedere l’utilizzo delle biomasse forestali per l’energia pulita e realizzare il centro vivaistico regionale.

Salvatore Tripi, segretario generale della Flai Cgil regionale, durante un convegno ha aggiunto ” riteniamo che le risorse pubbliche per la forestazione vadano incrementate e che occorre andare verso un’occupazione stabile e qualificata, così come prevede un accordo del 14 maggio del 2009”.

Pippo Di Natale, della segreteria regionale Cgil ha aggiunto inoltre, in merito al problema lavoro che “Bisogna smetterla col considerare il lavoro forestale alla stregua di un ammortizzatore sociale. È un settore importante, suscettibile di sviluppo, e molti osservatori già giudicano che dall’economica verde possano venire sviluppo e occupazione”.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017