Excite

Le migliori aziende dove lavorare, LinkedIn numero 1 negli Usa: seguono Google e Facebook

  • Youtube

LinkedIn svetta in testa alla classifica sulle aziende americane più apprezzate da chi lavora al loro interno, sulla base di criteri di valutazione ad ampio raggio certificati da uno staff di analisti specializzati.

Youtube, opportunità di lavoro per il portale internazionale di condivisione video

Nella graduatoria, tanto evidente quanto stretta è la correlazione tra la popolarità e le quotazioni di mercato del gruppo da un lato, la qualità e la remuneratività non solo a livello economico del lavoro dall’altro.

Curata dal portale Glassdoor.com col contributo fondamentale di centinaia di utenti chiamati ad esprimere le proprie considerazioni sul tasso di soddisfazione in merito alla realtà lavorativa di appartenenza, la statistica firmata 24/7 Wall St sulle migliori società degli Usa pubblicata online vede nelle prime posizioni colossi del calibro di Google, Facebook e Apple.

Privilegiate, nel gradimento dei dipendenti registrato in rete tramite le relazioni dei lavoratori sul popolare sito web che da tempo ne raccoglie i pareri in un’apposita sezione, sembrano al momento le aziende del settore tecnologico, quattro delle quali hanno raccolto punteggi particolarmente elevati rispetto alla media.

Su un massimo di 5 punti, il top scorer è stato LinkedIn, ma soltanto dodici società di cui tre di consulenza sono riuscite a mantenersi sopra la quota di 4, entrando di diritto nell’Olimpo delle società leader nel rapporto coi dipendenti.

(Glassdoor.com, analisi e consigli sulle migliori realtà lavorative in campo tecnologico)

Altri brand di grande prestigio a livello mondiale come Walt Disney, Procter & Gamble, Intel e Apple hanno tenuto testa alla primatista LinkedIn su buona parte delle griglie di merito, confermando il peso specifico (sia pur indiretto) della potenza finanziaria di un gruppo ai fini della valutazione più o meno positiva del personale impiegato nella stessa azienda.

La fiducia aumenta, secondo quanto emerge dalla ricerca di Glassdoor e 24/ Wall St sul lavoro negli Stati Uniti, parallelamente all’affermazione sul mercato della società di riferimento, con ulteriore margine di crescita del feeling in caso di elevato rating degli amministratori delegati.

Ultimo, non certo in ordine di importanza, tra i fattori determinanti per la reputazione è costituito dal successo a livello di pubblico del marchio, garanzia ipso facto (si pensi ad esempio ai giganti Google, Facebook e American Express) di risultati e di soddisfazioni in ambito professionale.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017