Excite

Licenziata su WhatsApp, 27enne tedesca denuncia il datore di lavoro: "Modalità inaccettabili"

  • Getty Images

Perdere da un giorno all'altro il lavoro è un trauma, una brutta esperienza con la quale una percentuale purtroppo non bassa di giovani e meno giovani si trova a fare i conti, almeno una volta nella vita.

Lavoratori Primark lanciano un appello disperato con messaggi di sos sulle etichette degli abiti

Di un licenziamento inoltrato al destinatario tramite WhatsApp, ad oggi, nessuno aveva mai sentito parlare, almeno fino a quando non è arrivata la notizia dalla Germania di una ragazza di nome Iris, freddata dalla laconica comunicazione del "principale" per mezzo del servizio di messaggistica istantanea.

Aprendo il suo smartphone per visionare le notifiche dei vari social network, la donna ha scoperto di aver perso l’occupazione dopo aver effettuato l’accesso alla popolare piattaforma multimediale, scelta dal suo “capo” come scorciatoia per evitare un contatto diretto con la lavoratrice da allontanare.

Stupita e indignata per il merito ma soprattutto per il metodo del licenziamento, Iris si è rivolta alla stampa nazionale, chiedendo al quotidiano Bild di dare spazio a quella che sarebbe superficiale definire una semplice curiosità.

(Facebook e WhatsApp, investimento miliardario per l’acquisizione del servizio di messaggistica istantanea)

La ventisettenne non ha esitato a raccontare l’episodio ai giornalisti e si è impegnata a denunciare la condotta scorretta del titolare dell’azienda che da poco tempo l’aveva assunta nel ruolo di consulente del lavoro: “Si tratta di una modalità incredibile per licenziare una persona” ha dichiarato Iris al tabloid tedesco, in un’intervista che suona contemporaneamente come un atto di denuncia circostanziato ed un appello alla vigilanza da parte dei tanti dipendenti chiamati a difendere i loro diritti messi a repentaglio da comportamenti “padronali” fuori controllo.

WhatsApp ha ormai una diffusione capillare tra le nuove generazioni, grazie all'inarrestabile contagio della tecnologia più avanzata ed alla quasi totale gratuità di un servizio ritenuto comodo e divertente, quando non indispensabile, da milioni di persone in tutto il mondo.

Usare con disinvoltura tale moderno veicolo di comunicazione per bruciare le tappe nella notifica di un licenziamento, oltre ad essere un gesto di cattivo gusto, è con tutta evidenza un (pessimo) segno dei tempi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017