Excite

LinkedIn: consigli per usarlo al meglio

  • linkedin.com

Il sondaggio Kelly Global Workforce Index condotto da Kelly Services da ottobre 2010 a gennaio 2011 ha dimostrato che i social network sono un canale privilegiato per chi cerca e offre lavoro, confermando anche la netta preferenza degli utenti per LinkedIn, ritenuto il più affidabile e professionale tra tutti. Per aumentare ulteriormente le proprie chances di fare carriera o di trovare la risorsa più adatta alle esigenze aziendali, ecco allora qualche consiglio sul miglior utilizzo di questo strumento e sugli errori da evitare.


Personalizzate il vostro profilo e rendetelo pubblico
Che cerchiate lavoro o che lo offriate, un passo fondamentale da compiere è quello di personalizzare l'impostazione predefinita dell'URL del vostro profilo e della vostra azienda (o sito). In entrambi i casi potete agire dal pannello di controllo, cliccando su Edit Public Profile Settings e aggiungendo il vostro nome alla URL e su Website, Other e quindi scrivendo il nome e la descrizione dell'azienda o del sito. In questo modo aumenterete la vostra visibilità e scegliendo di trasformare il vostro profilo da 'privato' in 'pubblico' accrescerete anche le chances di essere trovati dai vari motori di ricerca.


Iscrivetevi ai gruppi e siate attivi
Il numero massimo di gruppi ai quali ci si può iscrivere è 50: tantissimi o pochissimi, a seconda dei punti di vista. Poter contare su una rete di contatti estesa e articolata è un'opportunità incredibile per chi cerca lavoro, quindi bisogna sfruttarla al meglio. Infatti, anche se non riuscirete a stare al passo con tutti i gruppi, le informazioni che vi arriveranno potranno rivelarsi fondamentali per cogliere una data occasione professionale. In un contesto di questo tipo vi aiuterà anche molto dimostrarvi attivi partecipando alle discussioni - che sono un'altra fonte privilegiata di notizie interessanti e/o utili - e fare domande o rispondervi. Lo scambio diretto con altri utenti non è un aspetto da sottovalutare: chi vi dice che voi non abbiate la soluzione al quesito di qualcuno che, a sua volta, può sapervi dare un'informazione che cercavate da tempo?


Lasciate i tweet a Twitter
Linkare qualsiasi tweet al proprio profilo è inutile e - spesso - fastidioso. Il tweet deve essere coerente con il valore prettamente professionale che ha LinkedIn e non rilanciare qualsiasi informazione o attività. Fare una scelta oculata dei file e dei testi da condividere, puntando su quelli più calzanti per descrivere voi o i vostri interessi, è sicuramente molto più vantaggioso che sparare nel mucchio.


Completate il profilo e se siete imprenditori pubblicate una Company Page
Lasciare il vostro profilo senza foto, senza titolo e senza una breve descrizione di voi e di quello che cercate vi taglia fuori dalla quasi totalità delle ricerche. I selezionatori non scandagliano più LinkedIn per titoli e una presentazione stringata ma ben fatta può rendervi giustizia molto più del vostro curriculum. Allo stesso modo, se avete un'azienda, create una pagina per presentarla: con gli ultimi avanzamenti della rete, il rischio di subire una campagna diffamatoria (o anche solo 'indiscreta') da parte di un ex dipendente 'linkato' all'homepage aziendale è veramente minimo, mentre i vantaggi enormi.


Aggiornate il vostro stato e create un network di contatti, non di vendite
Senza eccedere - come già detto prima - tenete aggiornato il vostro 'status': dimostra che non siete visitatori occasionali, ma che utilizzate LinkedIn con una certa regolarità e che quindi siete dei soggetti interessanti e potenzialmente 'utili' con cui interagire. E quando vi viene chiesta una connessione, dimostratevi genuinamente curiosi e disponibili a uno scambio, senza cercare di 'piazzare subito la merce': è un atteggiamento che genera una chiusura immediata. Meglio procedere per gradi.


Rispondete ai commenti e prima di chiedere... Date!
Se qualcuno si prende la briga di rispondere o commentare qualcosa sul vostro profilo, dimostrategli che come lui ha avuto tempo per voi, anche voi ne avete per lui, e dategli un cenno. Lanciare un amo senza mai controllare se il pesce ha abboccato è inutile e controproducente, perché una 'preda' dimenticata allontana tutte le altre. Allo stesso modo, cercate voi per primi di offrire informazioni chiare, esaustive e utili: se siete utenti 'disciplinati' e di valore nell'economia di LinkedIn, otterrete molto più facilmente quello che vi serve quando lo chiederete ad altri.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017