Excite

Marco Biagi, oggi decimo anniversario della morte

  • Infophoto

Marco Biagi moriva il 19 marzo 2002, 10 anni fa a Bologna, ucciso da numerosi colpi di pistola sparati dalle nuove Brigate rosse mentre rientrava in casa. Il professore universitario, consulente ed esperto di diritto del lavoro e consigliere di diversi ministri del Governo Italiano, viene celebrato oggi nel decimo anniversario della sua morte, dal mondo politico italiano. Numerosi sono icommenti degli esponenti che ricordano l'autore di idee innovative sul mondo del lavoro.

"Sono trascorsi dieci anni dall'uccisione di Marco Biagi e ancora oggi il suo contributo alle riforme del mondo del lavoro rimane fondamentale per il nostro sistema produttivo - ha detto il presidente del Senato Renato Schifani - "Non è solo un pensiero di vicinanza e affetto che oggi desidero giunga alla famiglia a nome mio e di tutti i colleghi senatori, ma anche un sentimento di riconoscenza nei confronti di un uomo che ha tentato di trovare un equilibrio tra le esigenze della competitività e la tutela dei diritti fondamentali dei lavoratori, la cui memoria costituisce un monito contro ogni forma di violenza e di terrorismo".

Fa eco a Schifani il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: "La morte di Marco Biagi ha segnato profondamente le nostre coscienze ed e' ancora una ferita aperta per l'Italia democratica. Biagi e' stato barbaramente ucciso esattamente dieci anni fa da chi con la violenza terroristica voleva impedire ogni discussione su un tema fondamentale come quello del lavoro. Milano continuera' a ricordare la sua figura attraverso il nuovo Premio Marco Biagi. Si tratta di riconoscimento biennale rivolto a giovani under 35 che si distinguono per studi sulle politiche e sul diritto del lavoro. Sono convinto che il professor Biagi avrebbe apprezzato la scelta di puntare sui nostri talenti che dedicano il loro percorso di studi al rilancio occupazionale e del mercato del lavoro".

A ricordare Marco Biagi anche la ministra dell'InternoAnnamaria Cancellieri, intervenuta a Modena, ad un convegno internazionale in memoria del giuslavorista: "Marco Biagi ci lascia l'eredità di un uomo libero e capace di guardare al di là degli steccati ideologici e di comprendere quello che la societa' voleva con un grande senso del rispetto dei diritti dei cittadini".

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano tramite il Quirinale ha diffuso un comunicato stampa per omaggiare il giurista scomparso: "E' significativo e importante che la ricorrenza di un così tragico e doloroso momento venga colta per guardare anche al presente e al futuro, gettando luce sulla fecondità della ricerca e dell'impegno di Marco Biagi". "All'omaggio che così gli rende e al ricordo del suo sacrificio mi associo - aggiunge - con profonda personale convinzione e con piu' che mai viva consapevolezza del debito di riconoscenza che le istituzioni repubblicane e la società civile conservano verso Marco Biagi, per il servizio da lui reso stoicamente al progresso culturale e sociale del paese, al moderno arricchimento del suo patrimonio di conoscenze, ad una più libera battaglia delle idee e alla soluzione di problemi di fondo della collettività nazionale".

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017