Excite

Maxiemendamento 2011, licenziamenti facili: le novità

  • LaPresse

Pericolo scampato, finora. Nel maxiemendamento 2011 presentato ieri da Silvio Berlusconi al G20 non era presente alcuna misura che riguardasse i licenziamenti facili né tantomeno la riforma delle pensioni. Niente cambiamenti shock, dunque, almeno all'apparenza. Alcune importanti modifiche sono invece saltate fuori sul capitolo lavoro. Ecco le novità in alcuni punti:

  • licenziamenti dei dipendenti pubblici in esubero che non accettano entro due anni nuove proposte d'impiego;
  • contributi zero per tre anni sulle nuove assunzioni di apprendisti nelle aziende fino a 9 dipendenti;
  • aumento di un punto per i contributi previdenziali dei co.co.pro e riduzione del 25% dei contributi per l'assunzione di donne con contratto di inserimento;
  • più spazio di manovra alle Regioni per definire il gettito Irap con la possibilità di dedurre il costo del lavoro variabile.

Inoltre sono previsti una serie di incentivi alle imprese per l'assunzione di giovani disoccupati, per facilitare il lavoro part-time, il telelavoro. Previsto uno snellimento del contenzioso per la giustizia civile. Nel maxiemendamento alla legge di stabilità sono state inserite interventi su enti locali, ordini professionali e banda larga, ed un piano di dismissioni.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019