Excite

Paladini del pianeta in Greenpeace: ecco come

  • greenpeace.org

Le plateali azioni di protesta di Greenpeace contro governi, istituzioni e aziende colpevoli della lenta ma inesorabile distruzione del pianeta sono diventate leggendarie, ma pochi forse sanno che si tratta solamente della punta dell'iceberg delle attività di Greenpeace. Dietro questa associazione, infatti, c'è un mondo di professionalità specializzate in tematiche non solo ambientali, ma anche di comunicazione, marketing ed economia. Se volete farne parte, scoprite qui come.


Chi è Greenpeace e di che cosa si occupa
Fondata nel 1971 a Vancouver - in Canada - da un piccolo gruppo di attivisti che voleva denunciare i test atomici effettuati dal Governo USA ad Amchitka, Greenpeace oggi è una realtà attiva a livello internazionale, che conta oltre 2.8 milioni di sostenitori e numerosi uffici nazionali e regionali dislocati in 41 Paesi, collegati tra loro e coordinati dalla sede di Greeanpeace International di Amsterdam. Indipendente da enti pubblici, aziende e partiti politici, Greenpeace si definisce "un'associazione non violenta, che utilizza azioni dirette per denunciare in maniera creativa i problemi ambientali e promuovere soluzioni per un futuro verde e di pace". Greenpeace International è finanziata dagli uffici nazionali - che devolvono annualmente il 18% dei propri ricavi - i quali a loro volta sopravvivono grazie alle donazioni dei sostenitori locali.


Chi lavora per Greenpeace: requisiti personali e professionali
In Greenpeace opera una gran numero di professionalità diverse. Agli scienziati e ai tecnici si affiancano esperti di materie legali, economiche, di marketing e comunicazione così come marittimi, fotografi, cuochi, falegnami, idraulici e molti altri ancora. I posti di lavoro sono dislocati nelle diverse sedi sparse per il mondo e sulle navi che incrociano nei mari e negli oceani conducendo attività di ricerca, catalogazione e difesa delle specie vegetali e animali. Una vocazione internazionale che rende indispensabile un'ottima conoscenza dell'inglese (almeno), disponibilità agli spostamenti e una forte motivazione personale. Ma non solo. Come spiegato in una recente intervista a Job Meting dalla responsabile risorse umane Greenpeace Onlus, Gaia Calabresi, lavorare in questa realtà richiede "un mix magico di tante cose e la professionalità acquisita e dimostrata è una parte tanto importante come la motivazione".


Opportunità di lavoro: reclutamento e selezione
Greenpeace è molto attenta alla trasparenza e la sua policy di reclutamento prevede che tutte le ricerche in corso siano pubblicate online sul sito greenpeace.org. Solitamente, ogni annuncio descrive nel dettaglio il profilo ricercato e le competenze personali e professionali richieste. Le candidature dunque possono essere inoltrate esclusivamente in relazione a una specifica posizione aperta, complete di un'accurata lettera di motivazione nella quale i selezionatori chiedono di esplodere alcuni concetti chiave indicati da loro. Una modalità di selezione che vale tanto per le posizioni senior che per quelle di stage. In quest'ultimo caso, Greenpeace ci tiene a sottolineare che un'attività di tirocinio non prevede automaticamente l'assunzione nell'organico: terminata l'esperienza, se dovessero aprirsi posizioni lavorative inerenti, anche lo stagista dovrebbe seguire l'iter di selezione canonico.


Primi passi: il dialogatore
Per entrare in contatto con Greenpeace e iniziare a collaborare con l'associazione, una delle strade più caldeggiate anche dagli stessi addetti alla selezione - tra cui Gaia Calabresi - è quella del dialogatore diretto. Questa figura, sempre più diffusa nelle principali piazze e strade italiane, è fondamentale nell'economia di Greenpeace perché impegnata in quell'attività di raccolta fondi che permette all'associazione di mantenersi indipendente da qualsiasi tipo di condizionamento. Ricoprire il ruolo di dialogatore permette di approfondire la vision e la mission di Greenpeace e allo stesso tempo di imparare a conoscerne struttura e organizzazione, aumentando le possibilità di essere scelti qualora si partecipasse alla selezione per un posto interno allo staff. Per diventare dialogatori, come per tutti gli altri ruoli in Greenpeace, è necessario inviare la propria candidatura tramite il sito oppure rispondere a uno degli annunci pubblicati periodicamente sui principali motori di ricerca dedicati al lavoro.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018