Excite

Pensioni per la scuola

Oggetto di discordia e di frequenti modifiche da parte dello Stato sono le pensioni, comprese quelle per la scuola, che subiranno un'ulteriore rivisitazione anche quest'anno. Tutti gli uomini del settore privato e pubblico, sia dipendenti sia autonomi, già dal 2012 conseguono la pensione a 66 anni, anche quelle donne iscritte a Fondi esclusivi dal 1° gennaio 2012 potranno conseguire la pensione di vecchiaia a 66 anni.

Le nuove regole

Il calcolo per quanto concerne le pensioni, anche quelle per la scuola, viene effettuato in base alla legge 214-2011 del cosiddetto decreto Monti o salva-Italia. Queste nuove regole non riguardano invece chi, entro la data di fine anno fissata al 31 dicembre 2011, ha maturato tutti i requisiti per accededere alla pensione con le regole previste dalla normativa precedente.

Art. 24, comma 3

Questo articolo prevede il requisito di età per la pensione di vecchiaia fissata a 66 anni. A partire dal 1° gennaio 2013 il requisito potrà aumentare fino a un massimo di 3 mesi, ma il limite minimo sarà a 67 anni nel 2021.

I requisiti

Dal 1° gennaio di quest'anno è stata cancellata la pensione di anzianità legata al raggiungimento delle cosiddette “quote”. Sarà comunque possibile andare in pensione qualora si abbia un’anzianità contributiva pari a 42 anni e 1 mese, per gli uomini, e di 41 anni e 1 mese per le donne. Dal 2013 i requisiti verranno aumentati di un mese, così come nel 2014.

Le “finestre mobili”

Le finestre mobili, ovvero l’intervallo di un anno tra la maturazione dei requisiti e l'accesso al trattamento di pensione sono abolite, cioè assorbite dall’incremento dell'anzianità anagrafica di pensionamento. Per la scuola, dove si può cessare dal servizio solamente il 1° settembre, potrà accedere alla pensione chi maturerà i requisiti entro il 31 agosto.

Scuola: personale docente e tecnico ausiliario

Consultando il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali www.lavoro.gov.it si può trovare il testo completo e definitivo del decreto salva Italia (legge 214-2011) e la sezione relativa alle pensioni, anche quelle per la scuola. La pensione viene erogata sia al personale con contratto a tempo indeterminato che a quello a tempo determinato con incarico annuale dell'Ufficio Scolastico Regionale Ambito Territoriale (ex Centro Servizi amministrativi ex Provveditorato agli Studi).

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017