Excite

Quando la psoriasi può compromettere la carriera

Può la psoriasi essere un ostacolo alla carriera? Ebbene si. A rivelarlo, sono i dati del Progetto Daniele presentato oggi a Roma. Si tratta di uno studio condotto nel 2010 su un campione di ben 787 soggetti affetti da psoriasi moderata e grave. La ricerca si proponeva di valutare l’impatto della psoriasi non solo sulla qualità della vita del paziente, ma anche sul lavoro e sulle prospettive di carriera.

Come spiega la direttrice dell’Unità di Dermatologia della Facoltà di Medicina della Sapienza di Roma, Concetta Potenza: 'La ricerca ci svela la pervasività di una malattia che non fa sconti e condiziona l’intera vita del paziente fino a invadere anche le sue sfere più intime e personali'. L’80% degli intervistati, infatti, non pratica alcuno sport, mentre il 68% si sente condizionato persino nella scelta degli abiti da indossare. Inoltre, il disagio viene avvertito maggiormente dalle donne.

La psoriasi, dunque, è una patologia invalidante, che colpisce circa 2,5 milioni di italiani. Il 40% delle persone intervistate, infatti, ritiene che la malattia abbia limitato in modo serio le proprie aspettative lavorative e i progetti di carriera. Le donne, sono quelle più vulnerabili, ma inaspettatamente, sono gli uomini ad avvertire maggiormente l'esigenza di ricorrere ad un supporto psicologico.

(foto © Freedigitalphotos.com)

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017