Excite

Riforma lavoro 2012, guida al testo ufficiale

Molto si è parlato e si parla della riforma del lavoro, ma il testo ufficiale resta materia per pochi. Tuttavia, la possibilità di accedere alle fonte delle informazioni è sempre interessante oltre che necessaria per evitare di prendere per buone interpretazioni poco corrette o addirittura sbagliate. Ecco allora una breve guida per orientarsi all'interno del (corposo) testo della Legge n°92 del 28 giugno 2012.

    senato.it

Legge 92/2012: struttura del testo e punti principali

Per chi è interessato a consultare la Legge n°92 del 28 giugno 2012, Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita, anche nota come riforma del lavoro, il testo ufficiale è reperibile sulla Gazzetta Ufficiale (gazzettaufficiale.it), GU n. 153 del 3-7-2012 - Suppl. Ordinario n.136, oppure sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (lavoro.gov.it), seguendo il percorso Primo piano/La riforma del mercato del lavoro. In alternativa, il portale della Camera dei Deputati (camera.it), all'indirizzo documenti.camera.it/leg16/dossier/Testi/La0619b.htm, offre una serie di Schede di Lettura cliccabili singolarmente che rendono la consultazione particolarmente agevole.

Il testo infatti è suddiviso in 4 Articoli molto 'densi', ciascuno dei quali, a sua volta, è dettagliato in numerosi commi. Gli Articoli in questione, a partire dal primo, trattano, rispettivamente:

  • Disposizioni generali, tipologie contrattuali e disciplina in tema di flessibilità in uscita e tutele del lavoratore;
  • Ammortizzatori sociali;
  • Tutele in costanza di rapporto di lavoro;
  • Ulteriori disposizioni in materia di mercato del lavoro.

Più nel dettaglio, l'Articolo 1 prende in considerazione i contratti a tempo determinato nei commi 9-13, l'apprendistato nei commi 16-19, i contratti a progetto nei commi 23-25, le partite Iva nei commi 26-27, i tirocini nei commi 34-36, i contratti di lavoro part-time e intermittente, le associazioni in partecipazione e il lavoro accessorio nei commi 20-22 e 28-36. Per quanto riguarda i licenziamenti e le novità relative all'Articolo 18, sempre qui è possibile trovare informazioni sui licenziamenti individuali (commi 37-41), sul licenziamento illegittimo (commi 42-43), sui licenziamenti collettivi (commi 44-46) e, infine, sulle controversie (commi 47-69).

L'Articolo 2 è invece quasi interamente dedicato all'Aspi, la nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego, che occupa i commi dall'1 al 43, con focus sui requisiti per la fruizione, l'importo, la contribuzione figurativa e la durata nei commi 1-11. Nel comma 46 è affrontato il tema della mobilità, mentre nei commi 51-56 quello relativo all'una tantum.

L'Articolo 3 prende in esame per lo più i cosiddetti fondi di solidarietà, affrontando però nel comma 1 il tema dell'estensione della cassa integrazione straordinaria a "particolari settori" prima esclusi e oggi invece a regime.

Infine, l'Articolo 4 tratta temi di particolare rilevanza sociale, quali gli incentivi all'occupazione per lavoratori anziani e donne in aree svantaggiate (commi 8-11), la tutela della maternità e della paternità e la lotta alla pratica delle dimissioni in bianco (commi 16-23), il contrasto del lavoro irregolare nel caso di immigrati (comma 30) e la semplificazione della procedura per accedere alla disoccupazione (commi 38-39).

    lavoro.gov.it

Riforma del lavoro: errata corrige

Per quanto riguarda la riforma del lavoro, il testo ufficiale della Legge n°92 del 28 giugno 2012 ha registrato una errata corrige, con la rettifica del comma 40 dell'Articolo 1, che prevede una "procedura di conciliazione davanti alla Commissione provinciale di conciliazione" come condizione necessaria "prima di intimare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo".

In tal caso dunque, come riportato dalla Gazzetta Ufficiale del 14 luglio 2012, "all'art. 1, comma 40, capoverso art. 7, alla pag. 7 prima colonna, al comma 7, ultimo rigo, dove è scritto: '…lettere a) e b), del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276.', leggasi: '…lettere a), c) ed e), del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276'".

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017