Excite

Riforma pensioni Monti, cosa cambierà per gli italiani?

  • Tg24.sky.it

Contributivo per tutti e innalzamento dell'età per le donne sono soprattuto le novità introdotte dalla riforma della pensioni che verrà approvata lunedì dal Consiglio dei ministri. Lo ha detto il neo ministro del Lavoro Elsa Fornero, ieri a Bruxelles.

Sarà una riforma "incisiva e rispetterà il criterio di equità tra le generazioni" spiega il capo del ministero del Welfare in conferenza stampa. Il sistema contributivo verrà, a questo punto, esteso per tutti con formula pro-rata, quindi anche a chi non lo applica ancora. Con l'introduzione di questo provvedimento, che completa la riforma Dini del 1995 e dalla quale erano rimasti esclusi i lavoratori con più di 18 anni di servizio, anche coloro che rientravano nel vecchio sistema retributivo si vedranno calcolata la pensione dal 2012, per gli anni che rimangono prima del ritiro, sulla base dei contributi versati. Dunque chi è entrato nel mondo del lavoro a partire dal 1996 deve calcolare la pensione integralmente col sistema contributivo.

E poi un'accelerazione dell'aumento dell'età pensionabile per le donne che dovrebbe passare già dal 2012 da 60 a 63 anni per poi agganciarsi a quella degli uomini già nel 2018 e non più nel 2026.

Attesi nella riforma i nuovi strumenti per favorire l'occupazione dei giovani, con un occhio di privilegio a chi oggi è ancora precario. "Dalla prossima settimana lavoreremo per migliorare il mercato del lavoro soprattutto per giovani e donne, con l'obiettivo di dare ai lavoratori piu' svataggiati e precari, chance in piu' di lavoro vero", sottolinea la Fornero.

Il nodo cruciale della riforma risultano essere ancora le pensioni di anzianità. Come già anticipato il ministro del Welfare punta ad innalzare la soglia di uscita dal lavoro ai 41-43 anni di contribuzione. Sindacati e una parte del Pd si oppone a tale ipotesi che se dovesse passare farebbe saltare il meccanismo delle quote che associa l'età con gli anni di contribuzione.

Per ultimo la riforma delle pensioni ha abolito le cosiddette 'finestre di mobilità' che avevano portato, per l'erogazione della pensione a termine del lavoro, a un tempo di attesa di 18 mesi per i lavoratori autonomi e di 12 mesi per i dipendenti.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019