Excite

Riforma pensioni, Poletti apre all'abbassamento dello 'scalino' della Fornero con sblocco del turn over

  • Twitter @Agenzia_Ansa

Governo al lavoro sulla riforma delle pensioni, alla vigilia dell’ennesimo “autunno caldo” che vedrà i sindacati in piazza su diversi fronti e la maggioranza a sostegno di Renzi alle prese con nuove fibrillazioni alla sinistra del Partito Democratico.

Rivalutazione delle pensioni, il governo Renzi trova la soluzione: tutti contenti?

L’ipotesi di un intervento correttivo sulla legge Fornero in materia di turn over e scalino per l’accesso al trattamento previdenziale, come richiesto all’unisono da Cgil, Cisl e Uil in diverse occasioni, potrebbe diventare una delle priorità per l’esecutivo nei prossimi mesi, anche se sull’allargamento delle maglie dei conti pubblici sembra allarmare il Ministero dell’Economia.

Tra Giuliano Poletti e Piercarlo Padoan, stando ai retroscena delle ultime ore riportati da alcuni quotidiani nazionali come “Repubblica”, sarebbe in corso un serrato confronto sui contorni della riforma in cantiere e soltanto in sede di Cdm potrebbe trovarsi la quadratura del cerchio sulla modifica del cosiddetto scalino introdotto a suo tempo dal governo Monti per l’età pensionabile.

(Dal bonus Poletti alla quattordicesima: la delusione dei pensionati italiani. Video La7)

Argomento forte citato dall’ex dirigente di Legacoop a favore dell’abbassamento della soglia richiesta finora ai fini della percezione del trattamento previdenziale, lo sblocco del turn over che determinerebbe uno “svecchiamento” generale del mondo del lavoro con l’ingresso di migliaia di giovani nelle aziende al momento condizionate dalla legislazione restrittiva.

“Stiamo lavorando alla riforma delle pensioni, valuteremo opzioni e punti d’equilibrio insieme al ministro Padoan” ha precisato Poletti a margine del tour di incontri istituzionali in agenda tra Modena e altre città chiave dell’Emilia Romagna, riferendosi alla dialettica interna all’esecutivo sul tema rovente dello stato sociale.

La prudenza dell’Economia riguarderebbe in primis la spesa necessaria alla correzione degli effetti della legge Fornero, che costerebbe qualcosa come 4 miliardi di euro in caso di accoglimento della proposta Damiano-Baretta sull’abbassamento della soglia ai 62 anni (dai 66 e tre mesi richiesti oggi) dell’età pensionabile con una contestuale penalizzazione del 2% del trattamento previdenziale, cifre destinate a preoccupare anche Bruxelles.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017