Excite

Sciopero tassisti Milano ad oltranza, la protesta contro Uber: disordini e blocchi selvaggi

  • Youtube

Alta tensione a Milano dopo l’entrata in funzione del servizio di noleggio di auto con conducente meglio noto come Uber, contro il quale il fronte dei tassisti ha indetto compattamente uno sciopero ad oltranza.

Alfredo Famoso, in coma tassista preso a bottigliate per una precedenza. Identificato aggressore

La mobilitazione dei lavoratori del settore sembra destinata a durare e i toni continuando a salire, nonostante il tentativo di mediazione tentato dalle autorità cittadine e l’incombente scure delle sanzioni per i promotori dello stop forzato dei mezzi in virtù dell’interruzione di servizio pubblico.

Mentre i titolari delle licenze dei taxi promettono scintille alzando il livello dello scontro, il Comitato per l’ordine e la sicurezza cittadina avverte i rappresentanti di categoria che saranno applicate misure severe nei confronti degli autori dei blocchi che da ieri stanno paralizzando il trasporto privato nel capoluogo lombardo.

Preoccupano, in questa fase di escalation della protesta, gli episodi segnalati da diversi cittadini che hanno assistito ad un’autentica caccia all’uomo portata avanti dai tassisti ai danni dei cosiddetti abusivi, inseguiti insieme ai loro passeggeri per le vie della città e talvolta minacciati di aggressione fisica. Primo obiettivo della rabbia degli esercenti del servizio taxi di Milano era stata Benedetta Arese Lucini, giovane manager in Italia della società di San Francisco, presa di mira per i metodi usati dalla Uber nel rapporto con la clientela ed assediata in più occasioni da una folla inferocita.

La presunta concorrenza sleale e l’ “adescamento” dei passeggeri con metodi scorretti, grazie alla moderna App per smartphone già sperimentata in altre zone del mondo per abbattere i tempi saltando i canali tradizionali del settore (tassametro e licenza non sono richiesti, come sottolineato dai detrattori del nuovo servizio) è stata il principale capo d’accusa usato dai tassisti per chiamare alla mobilitazione generale.

In attesa dello sciopero internazionale del prossimo 11 giugno, i blocchi ad oltranza indetti a Milano contro l’arrivo di Uber in Italia sembrano preludere ad una battaglia di lunga durata, che sicuramente impegnerà a fondo anche la politica, locale e non solo.

lavoro.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017